Il Piano Nazionale Industria 4.0 include facilitazioni fiscali per chi investe in nuovi impianti e per aggiornare gli esistenti al modello della Industria 4.0. Il più importante è ‘l’iperammortamento 250%’ per i beni strumentali che rispondano, una volta installati e messi in servizio, al requisito della ‘interconnessione aperta’.

Scambio informazioni: bidirezionalità

I criteri stabiliti infatti richiedono, oltre ad altri requisiti ‘tradizionali’, che la macchina / l’impianto di produzione scambi informazioni con sistemi aziendali (es. sistema gestionale, MES) o sistemi esterni (es. dei clienti o dei subfornitori), mediante protocolli aperti, documentati, disponibili pubblicamente e internazionalmente riconosciuti (esempi: TCP-IP, HTTP, MQTT).

In questi primi mesi si sono viste sul mercato numerose soluzioni, non poche delle quali si sono dimostrate non adeguate a rispondere ai requisiti, dove quindi anche gli enti certificatori non hanno potuto validare la conformità degli impianti, con notevole danno economico per le aziende. Ad esempio:

Soluzioni minimali

basate sull’invio di alcuni segnali digitali al sistema gestionale, ma poco esplicative delle effettive attività di produzione della macchina in corso e del loro avanzamento.

Soluzioni iper-semplificate

dove l’applicazione è limitata al monitoraggio di funzionamento della macchina, con poca rilevanza nella gestione della produzione.

Soluzioni ‘chiuse’

di fornitori di tecnologie (CNC/PLC) con comunicazione proprietaria e non documentata con il sistema gestionale, o con applicazioni ‘dedicate’ alla macchina del fornitore medesimo.

Altre soluzioni invece, pur rispondendo ai criteri ‘base’, per le modalità di comunicazione legate alla tecnologia CNC/PLC utilizzata si sono dimostrate onerose per l’integrazione e quindi anche per le successive evoluzioni.

La soluzione ‘Industria 4.0’ di Alleantia

si è dimostrata invece pienamente rispondente a tutti i criteri richiesti per l’ottenimento del beneficio fiscale dell’iperammortamento.

Con le sue caratteristiche può dare ai Clienti finali e anche ai fornitori degli impianti:

 

certezze sui tempi di realizzazione dell’interconnessione;

 

facilità di realizzazione dell’interconnessione sia lato ‘macchina’ che lato ‘applicazioni’;

 

ampio supporto su tutte le tipologie di configurazione di macchina (CNC/PLC) e di applicazioni (interfacce);

 

piena rispondenza ai requisiti per l’iperammortamento, non solo documentata da referenze rilevanti ma anche da enti qualificati.

Ottenere i benefici dell’iperammortamento

Quando poi i nostri Clienti si sono trovati con la necessità di introdurre nuovi sistemi gestionali di fabbrica per realizzare pienamente il modello Industria 4.0 e quindi anche per ottenere i benefici dell’iperammortamento, hanno potuto rivolgersi ai nostri Application Partners che con le loro Applicazioni ‘Connected by Alleantia’ hanno velocemente realizzato l’interconnessione richiesta per l’iperammortamento e soprattutto per una soluzione Industria 4.0 realmente efficace.

Possiamo aiutarti nelle tue esigenze per l’iperammortamento ?
Contattaci!