Utilities: gestione di grandi reti complesse con molti sistemi e impianti eterogenei

Tutti i servizi pubblici hanno caratteristiche simili: da quelli dedicati alla produzione e distribuzione di elettricità, all’acqua, alla distribuzione del gas, alla gestione dei rifiuti, alle comunicazioni, gestiscono reti e impianti molto distribuite costituite da moltissimi asset fisici, costruiti in diverse fasi e tempi, con molte tecnologie e fornitori. E le utilities hanno bisogno di gestire tali reti di impianti nel modo più efficiente per fornire servizi end-to-end all’utente finale.

 

La struttura specifica di ciascuna rete, il “contenuto”, le prescrizioni normative creano un’architettura molto eterogenea da gestire.

Le aziende elettriche

hanno una rete di distribuzione a più livelli: rete primaria ad alta tensione (migliaia di sistemi), reti secondarie a media tensione (centinaia di migliaia di sistemi), distribuzione a bassa tensione (milioni di sistemi). Con diverse tipologie di sistemi coinvolti, dagli armadi di distribuzione alle stazioni di trasformazione dell’energia, sensori. Tali reti si stanno evolvendo verso ‘Smart Grid’ in grado di gestire flussi bidirezionali, supportando l’implementazione di centrali elettriche di piccole dimensioni (Solare, Eolico, Bio-metano, Cogenerazione) e più recentemente, sistemi di stoccaggio.

Le società del gas

hanno anche loro una rete a più livelli da gestire (internazionale – primario – secondario – i segmenti di distribuzione) con i loro sistemi associati per gestire la pressione del gas attraverso la rete, compresi gli impianti di stoccaggio.

La distribuzione dell’acqua

è in qualche modo simile alla rete del gas, con la peculiarità di avere in molti casi diverse reti separate, che dipendono molto dalla forma del territorio (montagne, valli, corsi d’acqua, posizione dei serbatoi d’acqua) e dalla distribuzione della popolazione da raggiungere.

Le compagnie di telecomunicazione

Mentre le tecnologie di rete specifiche delle compagnie di telecomunicazione incorporano funzionalità di gestione, le aziende hanno ancora molte risorse fisiche da controllare come torri per la comunicazione wireless, le cui operazioni devono essere integrate e ottimizzate.

L’Industrial IoT, realizzata attraverso una soluzione altamente scalabile come quella di Alleantia, avvantaggia fortemente qualsiasi utility che necessiti di espandere e migliorare sensibilmente il controllo delle sue reti . I dati provenienti da dispositivi e sistemi di rete esistenti o da nuovi sensori implementati all’interno di un’architettura IIoT completa, diventano informazioni uniformi, complete, aggiornate e affidabili, disponibili da tutta la rete, quindi non solo dalle “dorsali” e dagli impianti principali, già controllate da sistemi SCADA, ma anche dai dispositivi più piccoli, molto numerosi e per lo più non gestiti.

Contattaci per ulteriori informazioni