Tech Data si rafforza nell’Industria 4.0 - Alleantia
Alleantia provides the first plug & play offering around that transforms any electronic device into a smarter and connected device, ‘Internet Ready’, in seconds
alleantia, iot, industry, iiot
15266
post-template-default,single,single-post,postid-15266,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,overlapping_content,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive
 

Tech Data si rafforza nell’Industria 4.0

Tech Data si rafforza nell’Industria 4.0

Il distributore ha annunciato di aver stipulato un accordo con Alleantia, un vendor specializzato in soluzioni IoT plug & Play e facilmente implementabili

Tech Data moltiplica gli sforzi nel mondo dell’Industria 4.0: il distributore ha infatti appena annunciato la stipula di un accordo di distribuzione conAlleantia, un nuovo vendor specializzato in soluzioni IoT convenienti e facilmente implementabili. In buona sostanza la soluzione plug-and-play di Alleantia che consente di raccogliere dati da sensori, gateway e sistemi di controllo, permettendo di comunicare con qualsiasi macchina utilizzata in azienda, al fine di estrarre i dati di interesse e renderli fruibili istantaneamente a più applicazioni informatiche per implementarli nei processi decisionali. Più nel dettaglio, le soluzioni di Alleantia utilizzano la tecnologia XPANGO che permette di connettere le macchine alla Internet of Things, con risparmi nei costi di progetto ed evitando sostituzioni di validi dispositivi in uso.Si tratta, insomma, dell’applicazione concreta della Industrial Internet of Things (IIoT) attraverso cui passa la comunicazione necessaria per ottimizzare e rendere più efficienti i vari processi produttivi aziendali. Questi sistemi sono entrati a fare parte della crescente offerta IoT SmartForce di Tech Data, derivante dal ramo di attività Smart IoT Solutions. L’offerta SmartForce comprende un portafoglio di soluzioni end-to-end convalidate, destinate a System Integrator, rivenditori a valore aggiunto e fornitori di servizi.

Soddisfazione per il nuovo vendor a listino è stata espressa da Giovanni Besozzi, BU Manager IoT di Tech Data Italia, ha dichiarato: «Tale accordo è pienamente coerente con l’obiettivo che Tech Data si è posta di semplificare la realizzazione delle soluzioni Industry 4.0 all’interno delle aziende manifatturiere e produttive italiane. Con le soluzioni proposte da Alleantia infatti offriamo ai nostri Clienti la possibilità di semplificare uno degli aspetti più critici per la realizzazione di questi progetti. Tale semplificazione implica inoltre una sensibile diminuzione dei costi relativi alle attività di system integration. Per noi di Tech Data l’IoT deve avere un valore facilmente comprensibile dal Cliente finale: semplice, veloce da implementare e poco costoso nel suo TCO. Inoltre siamo particolarmente orgogliosi di distribuire un’azienda italiana che è riconosciuta essere una delle realtà più interessanti e promettenti nel mondo dell’Industry 4.0. Il nostro piano è inserire nel nostro portfolio aziende italiane in grado di aggiungere ulteriore valore alla nostra offerta. Ne stiamo analizzando alcune».

Sulla stessa linea anche Stefano Linari, CEO e Chairman di Alleantia: «Siamo lieti di poter annunciare al mercato la collaborazione con Tech Data, con cui abbiamo siglato un accordo strategico che permette di accelerare il processo della diffusione capillare del nostro innovativo software che soddisfa la crescente domanda di un sempre più rapido ed efficace deployment di progetti IoT industriali. Assieme a Tech Data, il colosso della distribuzione IT, abbiamo pensato di mettere a disposizione dei system integrator e solution provider il nostro IoT Server che rappresenta, oggi, la soluzione più semplice, intuitiva e potente per creare la così detta Industry 4.0, ovvero il collegamento in modalità Plug&Play tra le macchine, i sistemi per produrre ed i software aziendali. Grazie all’IoT Server di Alleantia le peculiarità di ciascuno dei due ambiti OT/IT vengono infatti mantenute assolutamente separate e distinte grazie alla possibilità, in pochi istanti, di creare un “digital twin” di ciascun dispositivo industriale e la capacità di rendere fruibile questa immagine digitale attraverso i più comuni sistemi informatici».